La Valle D'Aosta in TV

Testata giornalistica dedicata a cultura, tradizioni, territorio, eventi, enogastronomia e curiosità della VdA 

 

CI VEDONO IN CHIARO SULLE SEGUENTI EMITTENTI SATELLITARI E DIGITALI

 

TV Vallée - canale 15 digitale terrestre, in Valle d’Aosta, 24/24h

 

NordOvest 7 VdA - digitale terrestre, canale 113 in Piemonte

dalle 08,30 alle 10,00 - dalle 19,00 alle 20,30 o dalle 20,00 alle 21,30

 

Rete 7, digitale terrestre, canale 11 in Valle dAosta e Piemonte - 272 in Liguria - 293 in Lombardia e canale 212 in Toscana e Lazio

dalle 11,00 alle 12,00 e replica serale

 

People TV da satellite Hot-Bird, copertura Europa, Paesi del Mediterraneo, Emirati Arabi, Nord Africa, dalle 11,00 alle 12,00 e replica serale

 

in Italia, anche sul canale SKY 825 e canale 120 di Tivù Sat, lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dalle 11,00 alle 12,00 e replica serale

 

People Tv, digitale terrestre, canale 212 in Valle dAosta e canale 217 in Piemonte

dalle 11,00 alle 12,00 e replica serale

 

Copertura: Europa, Emirati Arabi, Paesi del Mediterraneo e Nord Africa, da satellite HOT-BIRD

Copertura nazionale piattaforma SKY e TIVU’ SAT

Copertura digitale terrestre Valle dAosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Toscana, Lazio

Internet - Facebook - Youtube

TV VALLEE, CANALE 15 DIGITALE TERRESTRE

trasmette anche la diretta delle adunanze del Consiglio Regionale

 

 

 

 

News

OLIO: ITALICO IN MAXIACCORDO DI FILIERA E’ FAKE NEW

Non esiste alcun riferimento al nome Italico nè tantomeno alle miscele di oli extravergine di oliva Made in Italy con quelli importati dall’estero nel più grande contratto di filiera per l’olio Made in Italy di sempre siglato da Coldiretti, Unaprol, Federolio e FAI S.p.A. (Filiera Agricola Italiana), che coinvolge le principali aziende di confezionamento italiane. Lo rendono noto le organizzazioni firmatarie nel precisare che si tratta di una fake news diffusa ad arte per cercare di colpire un accordo storico per l’olio italiano al 100%, da olive coltivate e molite in Italia, che riguarda un quantitativo di 10 milioni di chili per un valore del contratto di filiera di oltre 50 milioni di euro, che taglia intermediazioni, speculazioni e faccendieri.

Pagine